Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
 

About me

Ciao!
Questo è un gran bel risultato per me, quasi come avere una coppetta....
http://www.repubblic...ronte/selezione.html (Viretti Mario)
http://www.repubblic...-di-fronte-66/6.html
Vrex

Il grande viaggio
Cari volti ignoti, un viaggio ci unisce e poi il nulla.....
Forse è la solitudine che porta a galla le mie stranezze ma
adoro perdermi nei miei pensieri che vi riguardano.
Immagino così i vostri nomi, le vostre case, le vostre vite;
la mia fantasia lavora e ricostruisce inutili cortometraggi
che ad altro non servono che a farmi perdere in un inesistente mondo.
In questi momenti però, sento pesantemente il trascorrere
del tempo e della vita, percepisco fortemente la vostra
umanità, la vostra precarietà che in fondo è la mia.
Forse sbaglio, ancora una cosa ci unisce, il costante
lento ed inesorabile stillicidio di vita.

Per me è una grossa soddisfazione, spero che abbiate voglia di condividerla con me: http://www.photomagazine.it/issue/2/portfolio/43


Il cimitero

In una mattina di solitudine,
con l'animo vuoto e pesante come una panno bagnato,
mi recai laddove le lacrime sono di casa.

Fuggendo da tutti raggiunsi il buio ed il silenzio;
camminai a lungo tra sguardi fissi, nomi, date e cari pensieri,
nella mente il dolore: ciò che per noi è tutto, è completamente
avvolto dal nulla, da un estremo all'altro, dalla nascita alla morte.

Ripensai a noi tutti come raggi di vita nelle tenebre
dell'inesistenza che hanno avuto la fortuna di incontrarsi.
Inebriato da una funebre carezza ritornai al mondo dei vivi e
nel mio animo si pervase una temporanea e serena rassegnazione......


....Vorrei impenetrabili lenti scure, da indossare quando ti incontro,
per poterti guardare ma non farti notare che ancora mi sei dentro.....



MARIO VIRETTI